Post in evidenza

Anatomia per tutti

Ho attivato qualche anno fa una pagina Facebook con questo nome perchè, ricevendo quotidianamente e da vari Studenti richieste di spiegazioni o chiarimenti sui più disparati argomenti di Anatomia Umana, pensavo (e oggi ne sono ancora più convinto) di condividere con tutti le risposte, gli approfondimenti e la passione per questa fondamentale disciplina BioMedica.

Oggi Anatomia per Tutti è la più grande community italiana di Studiosi, Studenti e appassionati di Anatomia Umana.

E’ una pagina Facebook, un canale ricco di contenuti su Youtube, una pagina su Instagram e un canale Telegram.

Studiamo e approfondiamo insieme …molti altri che si fregiano nel loro nome sui social della parola “Anatomia” fanno poco più che splatter….

La pagina ha anche tanti e qualificati redattori che con me condividono la passione della comunicazione scientifica e dell’insegnamento. Tra tutti voglio ringraziare la Dr.ssa Cristiana Veltro, la Dr.ssa Irma Bencivenga e Giulio Procelli.

Anatomia e diffusione scientifica di qualità … sei dei nostri ?

Anatomia per tutti è patner ICLO e PHISIOVIT.

Alcohol-Induced Blood-Brain Barrier Impairment: An In Vitro Study

Donatello Carrino, Jacopo Junio Valerio Branca, Matteo Becatti, Ferdinando Paternostro, Gabriele Morucci, Massimo Gulisano, Lorenzo Di Cesare Mannelli, and Alessandra Pacini

In recent years, alcohol abuse has dramatically grown with deleterious consequence for people’s health and, in turn, for health care costs. It has been demonstrated, in humans and animals, that alcohol intoxication induces neuroinflammation and neurodegeneration thus leading to brain impairments. Furthermore, it has been shown that alcohol consumption is able to impair the blood–brain barrier (BBB), but the molecular mechanisms underlining this detrimental effect have not been fully elucidated. For this reason, in this study we investigated the effects of alcohol exposure on a rat brain endothelial (RBE4) cell line, as an in vitro-validated model of brain microvascular endothelial cells. To assess whether alcohol caused a concentration-related response, the cells were treated at different times with increasing concentrations (10–1713 mM) of ethyl alcohol (EtOH). Microscopic and molecular techniques, such as cell viability assay, immunofluorescence and Western blotting, were used to examine the mechanisms involved in alcohol-induced brain endothelial cell alterations including tight junction distribution, apoptosis, and reactive oxygen species production. Our findings clearly demonstrate that alcohol causes the formation of gaps between cells by tight junction disassembly, triggered by the endoplasmic reticulum and oxidative stress, highlighted by GRP78 chaperone upregulation and increase in reactive oxygen species production, respectively. The results from this study shed light on the mechanisms underlying alcohol-induced blood–brain barrier dysfunction and a better understanding of these processes will allow us to take advantage of developing new therapeutic strategies in order to prevent the deleterious effects of alcohol.

Keywords: alcoholism; alcohol abuse; oxidative stress; blood–brain barrier; tight junction

View full-text
https://www.mdpi.com/1660-4601/18/5/2683

#1000coseinvecedisanremo

1. Andare a bere una birra con un amico che non vedi da tanto (a un metro)
2. Imparare a cucinare la Sacher Torte
3. Leggere un libro di poesie (Effetti collaterali)
4. Riappaiare i calzini
5. Fare un ritratto, farsi un autoritratto
6. Imparare 100 parole a sera di una lingua straniera
7. Visitare un Museo on line
8. Leggere la Costituzione della Repubblica
9. Contattare su Facebook la più  bella (il più  bello) del Liceo e con la scusa di un libro prestato e mai restituito provare a invitarlo/a a pranzo
10. Buttare dall”armadietto i farmaci scaduti
11. Riaccordare la chitarra
12. Cercare l’attualità dei filosofi presocratici
13. Cambiare la guarnizione al rubinetto del bagno
14. Imparare a fare per bene lo squat
15. Aspirare i tappetini della macchina
16. Imparare i nomi delle strade che si percorrono ogni giorno
17. Travasare la stella di Natale
18. Lucidare gli scarponcini
19. Srotolare  le cravatte
20. Cercare la meta di un viaggio
21. Cercare un nome per la voce del coccodrillo
22. Imparare a stirare il colletto della camicia
23. Cercare sul proprio partner tre nuovi punti erogeni
24. Entrare in un bar a caso e chiedere il solito
25. Depilarsi i tragi
26. Fare monoporzioni sottovuoto di nduja
27. Cancellarsi dai gruppi di Facebook dove ti hanno infilato proditoriamente (Terrapiattisti anonimi, La teoria del digiuno delle ore dispari, Cosa si nasconde dietro la pratica quadriennale dell’anno bisestile)
28. Hackerare il server della banca del seme per avere notizie della tua progenie
29. Comunicare con l’alfabeto Morse e una pila con il tuo dirimpettaio di codominio…
30. Chiedere il segreto di una buona maionese fatta in casa agli amici psichiatri
31. Memorizzare la targa dell’auto (moto)
32. Finire di montare (con immane fatica) la libreria dell’Ikea, appellando i vari pezzi in finnico-partenopeo… strunz, piezzemmrd, chitemuort.
33. Telefonare a numeri a caso e chiedere come sta zia Adele
34. Invitare a casa il dimostratore del Folletto e vendergli il Bimbi usato
35. Calcolare a mente fino alla 28 esima cifra del pi-greco
36. Imparare a sbucciare le arance con coltello e forchetta.
37. Convincere diplomaticamente le zanzare che hanno svernato in casa ad andare altrove… senza spargimento di sangue
38. Usare ago e filo per i bottoni penduli delle giacche
39. Imparare a memoria le tre o quattro principali tavole optometriche per fare poi un figurone con l’oculista.
40. Pulire il tostapane
41. Scavare un buco in cantina alla ricerca di reperti Etruschi.
42. Farsi una tecar
43. Citofonare ai vicini di casa chiedendo se è passato Salvini.
44. Scrivere tre parole che fanno rima con “mulo” .
45. Insegnare a un migrante Ghanese la Calabrisella, per integrarlo gradualmente al Nord.
46. Elencare tutte le funzioni del pavimento pelvico e farne una a caso
47. Definire una volta per tutte se la propria cucina è componibile o scomponibile.
48. Ricomporre un puzzle di Rocco Siffredi in posa da Uomo Vitruviano e ricalcolare i parametri di Leonardo.
49. Cambiare tutte le password con la data di nascita dell’ex.
50. Verificare se hai i denti del giudizio.
51. Uscire in accappatoio sul balcone, spalancare le braccia al cielo e cantare a squarciagola “We are the champions”.
52. Recensire con 5 stelle su Google l’idraulico, sperando che la prossima volta non ti salassi.
53. Controllare il livello dell’olio della macchina, dei peperoncini piccanti e della sardella.
54. Provare a vendere su eBay la serie completa dei film di Alvaro Vitali.
55. Fare una partita scacchi da solo ed esultare per lo scacco matto.
56. Mangiare l’ultimo panettone della scorta natalizia.
57. Scoprire che il papà di Cappuccetto si chiamava Stefano Rosso e che il cacciatore era l’amante della nonna.
58. Aggiornare le volontà testamentarie e chiedere agli eredi di aggiungere sulla lapide il QR code con il link al profilo Facebook e Instagram.
59. Riscrivere la saga di Harry Potter ambientandola a Poggibonsi.
60. Ripondere all’ultima email della cartella “posta in arrivo” datata ottobre 2008…”mi scuso per il ritardo nella risposta. Ho trovato questo messaggio nello spam..”
61. Inventare una serie completa di esercizi posturali da supino e da prono da eseguire prima e dopo l’amplesso.
62. Imparare ad imitare le voci dei politici per fare scherzi telefonici…mi consenta !
63. Aprire una partita IVA a nome di tuo cognato.
64. Mettere a bagno i fagioli per il giorno dopo.
65. Incollare un cartone tagliato a cerchio sul vetro della finestra per vedere tutte le sere l’eclissi di luna
66. Scrivere un trattato breve sulle differenze tra il palo della lap dance e palo della cuccagna.
67. Fare una storia su Instagram con le foto di tutto quello che hai mangiato dal 1987 ad oggi, compreso l’arrosto di Bisonte che ti cucino’ il pronipote di Buffalo Bill.
68. Delineare il profilo dei tuoi vicini conoscendo soltanto il nome della loro WiFi (se_ti_attachi_ti_sdrumo; farlallina_amorosa36; jack_il_trapano…)
69. Lo dice la parola stessa
70. Chiedere ai tuoi amici di continuare l’elenco

A PELLE

Un manuale dedicato allo studio e dell’Anatomia e della Fisiologia dell’organo più esteso del nostro corpo, con un approfondita sezione dedicata alle strutture e all’invecchiamento del viso.

Per chi vuole conoscere come è fatta la Pelle e i suoi annessi e come cambia il nostro viso nel tempo.
In appendice una sinossi sul sangue, la circolazione arteriosa venosa e linfatica.

A PELLE
EDIZIONI A.L.E. 2021

FAD PHISIOVIT – Strumenti della Professione

E’ stato da poco pubblicato il mio ultimo corso in FAD con Phisiovit : Biomeccanica della Spalla, inizio di una serie che continuerà con il gomito, l’anca e il ginocchio).

Sono sinceramente felice e orgoglioso di presentarVi tutta l’offerta didattica fino ad oggi realizzata e spero di averVi presto tra i miei Discenti virtuali.

L’Anatomia Palpatoria (4 ECM)
La Cute e i suoi annessi: Anatomia e Fisiopatologia (4 ECM)
La Fascia: dalla forma alla funzione (3 ECM)
La Meccanica Ventilatoria (3 ECM)
La Struttura del Muscolo e la Classificazione delle Lesioni Muscolari (3 ECM)
Le Articolazioni (3 ECM)
Neuro Anatomo Fisiologia del Movimento (10 ECM)
Approccio Funzionale e Clinico alla Neuroanatomia 1 (3 ECM)
Approccio Funzionale e Clinico alla Neuroanatomia 2 (3 ECM)
Approccio Funzionale e Clinico alla Neuroanatomia 3 (4,5 ECM)
Biomeccanica della Spalla (4 ECM)

FAD – FORMAZIONE A DISTANZA


Temporal Fossa Atrophy in Aesthetic Medicine: Anatomy, Classification, and Treatment

Idone F, Bolletta E, Piedimonte A, Paternostro F.
Temporal Fossa Atrophy in Aesthetic Medicine: Anatomy, Classification, and Treatment.
Plast Reconstr Surg Glob Open
2020 Oct 27;8(10):e3169. doi: 10.1097/GOX.0000000000003169. eCollection 2020 Oct.

Hyaluronic acid fillers indisputably represent an important tool for face
rejuvenation and volume restoration. The temporal area has recently been considered as a potential site of injection. As it happens in the middle face and in other regions of the face, the temporal fossa changes according to the aging process. In a young person, the temple profile has a fullness aspect, and this contributes to giving the face a beautiful and healthy appearance. With age, the loss of volume leads the bone prominences to be visible.
The aim of this article is to classify the temporal fossa atrophy and get better into the anatomy, identifying the ideal plane to inject in, through the use of a safe and reliable technique. Cadaver dissections have been performed to specifically describe the anatomy of the temple layer by
layer. The authors’ preferred technique, called interfascial by cannula implantation, is discussed. All the treated patients reported a good improvement by survey according to the Global Aesthetic Improvement Scale scale. No major complications were detected. No ecchymosis neither swelling were documented. Although further studies are necessary to broaden the casuistry and better verify the potentiality of this technique, the authors do believe that it could be considered a very reliable procedure with pretty consistent results, if supported by an adequate and imperative anatomical knowledge.

ACKNOWLEDGMENT
We sincerely thank ICLO Cadaver Lab for the support provided for the dissections of the cadavers.

MED LAB 1

Con enorme soddisfazione e con la speranza soprendere, arricchire ed emozionare attraverso lo studio dell’Anatomia Settoria, ICLO VERONA e ANATOMIA PER TUTTI presentano MED LAB 1

Studieremo in un giorno , HANDS-ON, i muscoli del dorso, il torace, l’addome e la pelvi …scaricate il PROGRAMMA COMPLETO da qui:

INFO: https://iclo.eu/courses/med-lab-1/

NAUTA

Nuova Anatomia Umana Tridimensionale Atlante

Il progetto, che nasce da una idea originale del Dott. Giacomo Gelati, consiste in un nuovo metodo di acquisizione e combinazione di immagini anatomiche, provenienti da tre diverse tecnologie, che consente di ricostruire digitalmente in 3D, in modo fedele e oggettivo, un preparato anatomico realmente esistente, rispettandone la morfologia, la luce, il colore e i rapporti dimensionali.
I modelli digitali tridimensionali così ottenuti possono essere ruotati ed orientati a proprio piacimento, misurati con precisione fino al µm, osservati al in superficie e in spessore, secondo piani di taglio frontali, sagittali o trasversali.

Oltre ad altre pubblicazioni, alla selezione come progetto IUF (Incubatore Universitario Fiorentino) e a comunicazioni a congressi internazionali, da tale progetto è nato anche un articolo sull’Italian Journal of Anatomy and Embyology, che sottopongo alla vostra attenzione e curiosità.

Gelati, G., Paternostro, F., Conti, A. A., & Orlandini, G. (2019).
The anatomical representation of the human body: From epistemological examples deriving from medical history to morphometric imaging performed with the laser scanner technique.
Italian Journal of Anatomy and Embryology, 124(1), 72-78.

https://oajournals.fupress.net/index.php/ijae/article/view/1699

The 19th Congress of the International Federation of Anatomists

Attività fisica e piede diabetico

Lo scopo di questo articolo è sottolineare l’importanza del monitoraggio a lungo termine dell’attività fisica nella prevenzione delle ulcere del piede diabetico.

Francia, P., Iannone, G., Paternostro, F., Santosuosso, U., & Gulisano, M. (2019). Management of daily physical activity and diabetic foot prevention. Italian Journal of Anatomy and Embryology124(1), 87-103.

https://oajournals.fupress.net/index.php/ijae/article/view/1701

Abstract

Even if physical activity plays a key role within diabetic foot treatment its use and the results obtained from this treatment seem to be still limited. Nowadays, new and even more advanced technologies for the long term daily physical activity monitoring are available and they are radically changing some aspects of physical activity such as its amount, features and monitoring.

In spite of the past, the several electronic devices that are currently available can be integrated into routine care and provide essential information for management to both the healthcare providers and patients. In particular, since the end of the last century, an increasing number of studies have applied the movement monitoring to patients at risk or with history of ulceration. The questionnaires have been progressively replaced with modern technologies such as accelerometers or complex multisensory devices able to objectively measure the physical activity performed.

The data collected through the use of such devices can allow a better assessment of patient’s condition and provide useful information for the definition of a more complete treatment protocol. Daily physical activity monitoring devices provide to the Diabetes Units information on the typology, quantity, distribution and intensity of the daily physical activity performed by each patient concurring to the prevention of foot ulcers that represent the most dreadful diabetes complications.

The different functions and modes of operation of monitoring devices can be integrated to provide a more comprehensive and intelligent monitoring system that provide valuable information on patients’ ongoing health status and the physical activity performed during daily life. These devices can manage in real time or even in remote the physical activity performed in addition to calculate that to be performed in the following hours. As a result, they contribute to improve patients’ lifestyle and reduce the costs for the treatment of such complications.

The aim of this review is to define and emphasize the role of a long term daily physical activity monitoring in the prevention of diabetic foot ulcers.

Three cornerstones” for the prevention of diabetic foot ulcer

Una foto…

Sabato a Milano per lavoro. In pizzeria quasi litighiamo per avere un tavolo appena distanziato.

Nella sala adiacente una trentina di sedicenni ben accalcati festeggiano il compleanno del loro compagno di classe.
Fuori ci sono 10°, ma loro sono vestiti per far serata come al mare. Entrano ed escono dal locale senza mascherina.
Qualche colpo di tosse…

Nei locali attorno a Porta Ticinese si balla dopo aver cenato o bevuto.
Qui ci sono ragazzi più grandi, universitari o lavoratori fuori sede. Dai loro accenti intuisco che pochi sono nati all’ombra della Madunìna. Da alcuni pub la calca straborda sulla strada. Distanze e mascherine irrise.
Nei giardinetti effluvi di erbe aromatiche abbrustolite e condivise.

Penso a domani, quando tutti torneranno nelle scuole o sui posti di lavoro a rispettare fariseicamente regole che sono costate soldi e fatica a chi le ha dovute implementare e rendere possibili… quasi sempre persone più responsabili di loro.
Il Covid cammina sempre, di giorno e di notte.. ma siccome per molti è solo un problematico fastidio di regole imposte (nessuno ha fatto in questi mesi pacata ma seria educazione sanitaria), appena è possibile si irridono le regole infrante, sentendosi eroi esplorati un pericoloso confine di incoscienza.

Penso così alla curva dei contagi inequivocabilmente in salita, ai sapientoni da Tv che minimizzando coi distinguo hanno dato il via libera allo sbraco, al freddo che sta tornando e ai vaccini che sono già un terreno di guerra fredda e di disuguaglianza.

Volevo scattare qualche foto… meglio se scrivo.
Adesso Vi saluto perché sto entrando in un supermercato a fare scorta di lievito.